I denti influiscono sulla nostra salute generale?

Le malattie infettive croniche parodontali (delle gengive, dell’osso e delle radici dentali in genere) sono perlopiù asintomatiche o paucisintomatiche (poco sintomatiche) e spesso rappresentano una scoperta occasionale nel corso di visite approfondite o esami radiografici regionali. Esse sono molto frequenti nella popolazione e rappresentano infatti (secondo l’OMS) la più frequente patologia cronica nella popolazione adulta mondiale (circa il 50% della popolazione).

Queste infezioni nascono dalla proliferazione incontrollata (dovuta alla scarsa igiene orale e pregressi trattamenti non andati a buon fine) di diverse specie batteriche anaerobiche gram-negative.

Queste specie batteriche patogene e anche i loro prodotti di degradazione, costituiscono insieme il cosiddetto biofilm. Il biofilm aggredisce i denti ed i tessuti orali e, in modo molto più insidioso, è in grado di aggredire l’organismo umano nel suo insieme, anche in assenza di sintomatologia locale o generale, attraverso la stimolazione della produzione delle citochine che instaurano un processo infiammatorio generale che contribuisce a scatenare malattie gravi in altri organi.

The Possibility of an Infectious Etiology of Alzheimer Disease

(immagine tratta e tradotta da: The Possibility of an Infectious Etiology of Alzheimer Disease. Ghulam M. Ashraf. Vadim V. Tarasov, Alfiya Makhmutovа, Vladimir N. Chubarev, Marco Avila-Rodriguez, Sergey O. Bachurin, Gjumrakch Aliev. Molecular Neurobiology (2019) 56:4479–4491 https://doi.org/10.1007/s12035-018-1388-y)