Evoluzione continua delle ceramiche dentali


Ai tempi in cui ho iniziato a lavorare come dentista, tutti i materiali estetici erano considerati dai più scrupolosi scelte azzardate per ricostruire i denti . Solo pochi accademici e dentisti privati ​​credevano nelle potenzialità delle ceramiche dentali e dei compositi. Ora è facile capire che era invece proprio quella la strada da percorrere, in barba allo scetticismo.

Mi ricordo di aver proposto un numero incredibile di restauri in oro ai miei pazienti. L'oro, infatti, era (e forse ancora è in qualche modo) il materiale di restauro dentale più resistente. I restauri d'oro sono stabili nel tempo, necessitano di poca rimozione di tessuto dentale e si adattano bene all'occlusione. Tuttavia, dal punto di vista estetico sono inaccettabili.
L'ultima volta che ho usato restauri in oro risale a oltre 10 anni fa. Mi ricordo di un grande risultato tecnico, ma ricordo anche la delusione della paziente! L'oro non era visibile se non sulla superficie masticatoria. Per farlo vedere doveva spalancare la bocca e inclinare la testa all'indietro, anche con un'ampio sorriso normale si vedeva solo il bianco.. E tutto ciò era chiaro dall'inizio. Ma era pur sempre un pezzo d'oro e a lei non piaceva! Ho giurato a me stesso che non avrei mai utilizzato nuovamente un restauro in oro.

Ma quali sono le alternative estetiche? Ce sono moltissimr. Le industrie dentali producono diversi tipi di ceramiche e resine con un'alto contenuto di riempitivo ceramico e anche tutta una serie di materiali intermedi. E la robustezza non è più un problema. Alcuni hanno una forza intrinseca, altri diventano forti solo dopo il legame al substrato dentale. Il risultato finale è durevole, se la ceramica è ben progettata e se la tecnica di bonding al tessuto dentale è scrupolosa.

Io preferisco strutture in biossido di zirconio (ZrO2) con porcellana feldspatica di rivestimento estetico per i ponti. La forma della struttura di questo tipo di ponte deve avere delle forme che sostengono e rinforzano la ceramica di rivestimento più esterna, pena lo sfaldamento di quest'ultima. Di seguito un esempio di tale ponte. Il disegno della sottostruttura è evidente nella seconda immagine.

ponte zirconio-ceramica
Ponte ZrO2/Porcellana feldspatica (cortesia Stefano Vinci, CDT)

superficie inferiore ponte zirconio struttura
Superficie inferiore di ponte ZrO2/ porcellana feldspatica che mostra la corretta progettazione della sottostruttura (cortesia Stefano Vinci, CDT)​

I ponti ZrO2 con rivestimento estetico in ceramica feldspatica se sono dotati di un'adeguata sottostruttura sono stabili nel tempo. La sottostruttura offre sia la resistenza che la spaziatura adeguata per sostenere il rivestimento di porcellana. All'inizio del periodo dello zirconio, un messaggio commerciale illusorio circolava nei laboratori e nei centri di fresaggio. Secondo questo messaggio le sottostrutture in ZrO2 non avevano bisogno di alcun disegno particolare. La forza della zirconia sarebbe stata in ogni caso sufficiente a sostenere e rinforzare la ceramica esterna. Naturalmente questo è falso e fuorviante. Un gran numero di corone in ossido di zirconio e ponti si sono scheggiati per la spaziatura insufficiente o il sostegno inadeguato della ceramica di rivestimento

 

Uno dei miei primi casi, sviluppato come tutti gli altri con il mio amico di lunga data ed eccellente tecnico Stefano Vinci, era riabilitazione completa su denti e impianti. L'estetica era eccezionale fin dall'inizio. Ma, col passare del tempo, ho sostituito alcuni denti posteriori per la scheggiatura dello strato esterno dovuta al disegno inadeguato della sottostruttura..

bocca completa in zirconia
Ricostruzione completa in zirconia di tutti i denti superiori e inferiori - visione laterale (Stefano Vinci, CDT)

Per corone singole Io tendo ad usare ZrO2/ feldspatica quando il colore del pilastro è irrimediabilmente scuro. La zirconia maschera bene i monconi decolorati e anche i monconi in titanio su impianti. Per i pilastri naturali non decolorati o sbiancati preferisco corone e faccette in disilicato di litio.

faccette feldspatiche corone zirconia
Faccette feldspatiche e corone in zirconia su impianti e pilastri naturali su modello master (Per gentile concessione di Stefano Vinci, CDT)
 
Le faccette feldspatiche sono anche un'opzione. Esteticamente sono eccezionali e rendono bene i colori particolarmente brillanti. La spaziatura deve essere calibrata bene per evitare scheggiature. Di seguito è riportato una foto di una grandefacceta feldspatica o corona parziale.
faccetta feldspatica
Faccetta/corona parziale feldspatica (cortesia Stefano Vinci, CDT)
categoria: 



News


Dom, 12/04/2016 - 09:55

Gli Impianti endoossei offrono molti vantaggi rispetto ad altre tecniche di sostituzione dei denti.

Gio, 07/14/2016 - 14:35

“Con l’aumento del consumo di cibi ricchi di zuccheri, i bambini sono più soggetti alla formazione di carie.

Oltre ad un’attenta igiene orale è vivamente consigliata la sigillatura dei solchi, procedura non invasiva ed effettuata senza anestesia.

Pratica semplice ma che riduce di molto l’insorgenza di carie occlusali.”










Corso Lazio, 17 2° piano
Frosinone (FR) - 03100

Tel. 0775889009 - 07751564256

Seguici anche su


COPYRIGHT © 2016



Top